fbpx

E’ notizia di ieri 21 Maggio 2019 del fallimento e bancarotta della catena di ristoranti Jamie’s Italian del noto chef di fama mondiale Jamie Oliver.

Nonostante il tentativo di salvataggio da parte dello stesso Jamie nel 2018 si è arrivati alla bancarotta ugualmente per mancanza di liquidità.

Ora, sembra abbastanza sorprendente che un personaggio pubblico del suo calibro possa essere inciampato in una situazione grave come questa per i suoi ristoranti ma in realtà non è poi così raro.

Purtroppo per gli chefs, la gestione di uno e soprattutto più ristoranti (di cui molti in franchising) è cosa ben diversa da dirigere la cucina del proprio ristorante. Essere chef o cuoco è cosa completamente diversa dall’essere un imprenditore della ristorazione.

Oggi purtroppo il modello classico di ristorante (soprattutto italiano) non funziona bene come in passato ed è necessario evolversi verso modelli più snelli e specifici, lo sa bene anche Carluccio’s che sta subendo le stesse difficoltà di Jamie Oliver.

Il mio consiglio è quello di analizzare il mercato e soprattutto i trend dei consumatori, sono sempre loro a dettare le regole del gioco a prescindere da quanto tu possa essere famoso.

Gerardo Taglianetti

Sono un esperto di retail e franchising, founder dei marchi dei marchi Phonup e Matassa.
Dopo il loro sviluppo in Italia ed all'estero ho lasciato le operazioni e deciso di mettere a disposizione la mia esperienza come consulente di alcuni progetti interessanti che vogliono espandersi in Italia ed all'estero, soprattutto nella mia amata India.
View all posts

2 comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gerardo Taglianetti

Sono un esperto di retail e franchising, founder dei marchi dei marchi Phonup e Matassa.
Dopo il loro sviluppo in Italia ed all'estero ho lasciato le operazioni e deciso di mettere a disposizione la mia esperienza come consulente di alcuni progetti interessanti che vogliono espandersi in Italia ed all'estero, soprattutto nella mia amata India.

Seguimi sui social